La mostra del fotografo Stefano Robino al Centro Culturale di Milano

La mostra di Stefano Robino, intitolata “Il fare, il limite, la bellezza. Alle origini di un’Italia industriale”, viene ospitata nelle sale del Centro Culturale di Milano, in programma fino al 28 febbraio 2015.

 In rassegna 45 immagini, per lo più vintage print, partendo dagli esordi su “Life” nel 1951 per arrivare alla collaborazione con “L’Europeo” del 2012.

 Il fotografo Robino, classe 1922, torinese,  uno dei maestri della fotografia italiana del secondo Novecento, evoca la cultura operaia del lavoro ben fatto, una cultura che conosceva avendo lavorato nel gruppo Fiat come disegnatore tecnico nel 1939, in seguito responsabile del laboratorio fotografico nel 1965, e poi fra il 1971 e il 1974 alla guida dell’ufficio pubblicità.

 Un ritorno al cuore di quell’Italia industriale, in visione anche documenti, riviste e materiali pubblicitari originali di un’epoca, con i prodigi della Fiat Grandi Motori di ieri nella memoria dei video dell’archivio storico Luce, e gli scatti che entrano in cantieri e officine, immagini nette, precise che risentono della lezione neorealista, fotografie in bianco e nero, scaturite dal lavoro in camera oscura, gli operai, i  macchinari, gli ingranaggi, le fabbriche, le grandi navi, le periferie industriali.

 Scrive Robino: “Io fotografo con lo stesso spirito con quale si scolpisce un marmo. Cerco di scavare le mie luci ed ombre e ricavare, con cose vive, quelle forme che tanto mi appassionano”. E che, nel ritrarre la quotidianità, si staccano dal tempo.

 Stefano Robino celebrato anche come ritrattista, infatti aveva meditato di fotografare nudi i suoi soggetti preferiti per sottrarli all’usura del tempo.

 L’esposizione curata da Enrica Viganò e Camillo Fornasieri, col patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano. La mostra è accompagnata dal catalogo della collana I Quaderni del CMC, n.8, Admira Edizioni, con un saggio di Franco Loi.

La mostra presenta i seguenti orari: da martedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00 / dalle ore 15.00 alle ore 19.00; sabato e domenica dalle ore 16.00 alle ore 20.00. Ingresso libero.

Sede: CMC Centro Culturale di Milano, via Zebedia 2.

Per ulteriori informazioni: www.centroculturaledimilano.it.

Giuseppe Lippoli