Pinocchio al Borgo medievale di Torino

Tempo d’autunno al Borgo medievale di Torino, che si tinge di colori caldi, mentre le giornate si accorciano: ma anche non d’estate questo bizzarro luogo ricreato e di grande successo, che ispirò pure Walt Disney per i suoi parchi a tema, propone eventi e incontri.

Fino al 14 febbraio è di scena, ad ingresso gratuito nei locali della Chiesa e della Sala di Courgné del Borgo, la mostra Carissimo Pinocchio, dedicata all’omonimo protagonista della fiaba di Collodi, classico della narrativa per ragazzi non solo italiana, interpretato da Attilio Mussino, il suo disegnatore più emblematico, le cui creazioni decorano anche il paese di Vernante nel Cuneese, dove esiste un Museo a lui dedicato, partner dell’iniziativa.
La mostra, realizzata in collaborazione con il MUSLI, Museo della scuola e del libro per l’infanzia, presenta varie edizioni del Pinocchio illustrato da Mussino e altri lavori dell’artista nell’ambito dell’illustrazione per ragazzi, in fumetti, altri classici, libri di testo. Inoltre, non manca uno spazio dedicato ai gadget sul burattino di mastro Geppetto, già presenti all’inizio del Novecento, come libri animati, dischi, album di figurine, puzzle.
Un’occasione per scoprire e riscoprire un grande illustratore, che in fondo torna a casa, visto che con il suo lavoro vinse la medaglia d’oro all’Esposizione internazionale di Torino che si svolgeva proprio al Valentino. In mezzo a questo tributo, ci sono anche le marionette in legno degli artigiani della Valstrona, nel Verbano, che da decenni hanno fatto di Pinocchio una delle loro icone.
La mostra è aperta dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18, e in parallelo sono previsti laboratori per scuole, ragazzi e famiglie, oltre che un angolo permanente dedicato al disegno.  Per informazioni visitare il sito del Borgo medievale

Elena Romanello

Un pensiero su “Pinocchio al Borgo medievale di Torino

I commenti sono chiusi.